Glossar / 

  • Contributi
  • Cosa ci raccontano le mani

In occasione di un analisi della mano mi è capitato ancora una volta...

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

In occasione di un analisi della mano mi è capitato ancora una volta di avere un incontro molto interessante. A prima vista si trattava chiaramente di una mano terra con poche, tipiche, profonde linee principali molto marcate. Oltre a queste linee non c’era molto altro in questa mano. Osservando più attentamente notai le dita Saturno molto dominanti ma corte. Regole, leggi, puntualità, ecc., erano elementi essenziali nella vita di questa persona che sommati agli aspetti della mano terra quali mantenere promesse fatte, lealtà, affidabilità venivano ulteriormente rafforzati. In questo contesto mi sarebbe piaciuto discutere della caratteristica “Regole e leggi si, però le proprie”? Entrambi i miei primi due tentativi sono stati inutili. Dopo alcuni minuti, ritentando per una terza volta, il mio interlocutore mi disse. “Va bene, allora ti racconterò la mia storia“. Quello che in seguito appresi, non può essere raccontato. Mi ricordo però ancora molto bene come durante il resto dell’incontro la paura mi entrava nelle ossa e di come fossi sollevato quando finalmente il colloquio volse al termine.

In breve, ritornando al tema del saturno dominante ma corto in una mano terra: l’uomo era coinvolto in quel tipo di società che noi chiamiamo “mondo della malavita” del quale non vorremmo avere niente a che fare. Compresi però attraverso il suo impressionante racconto, quanto poco nel nostro “mondo” accade senza che sia manipolato o influenzato dal “suo mondo”.

La sua affermazione era: “ sai, quando uno fa un lavoro come il mio deve essere affidabile al cento per cento, puntualissimo e totalmente leale altrimenti non vive a lungo!”.

Adattarsi (mano acqua) o vivere le proprie passioni?

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La signora non si divertiva più nella vita. Era frustrata ed amareggiata sia nella vita professionale che in quella famigliare. Osservando la linea del cuore, possedeva una bellissima linea del tipo “passionale” detta anche “Gina”. Al finale di questa linea c’era un grande e ben visibile Diamante (un rombo). Vedi linea del cuore – segni.

Quando, facendole notare questo segno particolare, le chiesi: “quali sono le sue passioni e come le riesce a vivere? O con altre parole: dove va a ballare il tango argentino, qual’è il suo palcoscenico?” una luce si accese nei suoi occhi e lei mi chiese stupefatta come facessi a sapere che a lei sarebbe tanto piaciuto ballare il tango. Davvero, lei era un’appassionata di tango e proprio in questo modo aveva conosciuto suo marito. Il problema è che suo marito già da anni non aveva più voglia di uscire a ballare e non capiva perché lei avesse ancora questa gran voglia. “Ora siamo sposati – sosteneva – cosa vai a cercare andando a ballare?” Dopo anni di innumerevoli discussioni sul tema tango, la signora ci rinunciò e non andò mai più a ballare congelando così la sua passione, fatto che si manifesta nella sua mano con la formazione di un diamante sulla linea del cuore. Nel nostro colloquio rimanemmo d’accordo che avrebbe ripreso a ballare. Dopo qualche mese ricevetti un suo Feedback in formato SMS. “Sono rinata!“.